L’effetto curativo di borragine

L'effetto curativo di borragine

Botanica:

La Borragine (lat. Borago officinalis) è una pianta erbacea che può crescere fino a 80 cm di altezza. Proviene dalla famiglia delle crassulas predatori (lat. Boraginaceae). Le spesse foglie pelose, dalla forma ovale appuntita e dall’intenso colore grigio verde sono la parte della pianta alla quale vengono attribuite le maggiori proprietà. I fiori, a forma di stella, appaiono a grappoli  in cima ai gambi e fioriscono nel periodo tra maggio e settembre, solitamente hanno un bel colore azzurro intenso e lucente, ma possiamo vederli anche rosa o bianchi.

In Europa e nel Mediterraneo la possiamo trovare sulle discariche, nei campi, sui mucchi di composta e a volte anche come pianta ornamentale nelle siepi.

 

Principi attivi ed effetto:

L'erba borragine contiene, tra l'altro, Mucillagini, tannini, flavonoidi, olio essenziale e di silice, che favoriscono i seguenti effetti: diuretico, sudorifero, cura dei reumatismi,  antidepressivo, cura di eczemi e foruncoli, decongestionante e anche stimolante. Nella medicina popolare viene utilizzato per la cura di malattie renali e della vescica, e le malattie respiratorie.  I semi di borragine sono ricchi di acidi grassi polinsaturi come l’acido linolenico (simile al olio di enotera) che ha effetti anti-infiammatori, viene anche considerato utile per la prevenzione cardiovascolare e anche per la cura di problemi articolari come l’artrite.

 

Storia:

La borragine era già nota ai tempi del medioevo quando veniva utilizzato come lassativo, purificante del sangue, per le sue proprietà  diuretiche, e per la sudorazione.

Plinio e Dioscoride, invece, erano d’accordo nell’affermare che  era un ottimo rimedio contro la malinconia.

Il nome potrebbe derivare dall’arabo abu araq (= padre del sudore), attraverso il latino medievale borrago, forse per le proprietà sudorifere della pianta.

 

 

Non vuole perdere qualsiasi articolo del mio blog? Allora iscriviti qui gratuitamente alla newsletter.