Il meraviglioso albero del Ginkgo e la sua importanza nella fitoterapia

Il meraviglioso albero del Ginkgo e la sua importanza nella fitoterapia

 

Botanica:

L'albero del ginkgo (lat.: Ginkgo biloba) è originario della Cina ma era probabilmente anche comune in Europa fino a 150 anni fa. Proviene dalla famiglia dei ginkgo e raggiunge un'altezza di 30 metri con la sua possente cima ad albero. Le foglie sono a stelo lungo, coriacee e a doppio lobo. I frutti sono gialli e con un cuore legnoso, i fiori sono sia maschio che femmina (dioici).

Un albero di ginkgo può vivere fino a 2000 anni.

 

Principi attivi ed effetto:

Le tra le altre contenuti saponine, i flavon-glicosidi, le procianidine, i lattoni diterpenici, i biflavoni, gli acidi organici e gli acidi ginkgolici hanno un effetto antireumatico, proteolitico, simpaticotonica, vasodilatatore, stimolante del flusso sanguigno, neuroprotettivo, anti-edematoso e antiossidante. È un rimedio riconosciuto per i disturbi della memoria, acufeni, disturbi circolatori, problemi di concentrazione, perdita di memoria e molto altro ancora.

 

Storia:

L'albero del ginkgo è considerato in Cina come un simbolo di lunga vita. I monaci cinesi masticavano le foglie per stimolare la mobilità mentale in età avanzata.

Nel frattempo, l'effetto positivo del ginkgo sul metabolismo cerebrale e sulla microcircolazione è stata scientificamente dimostrata.

 

La forma della foglia, con la sua forma spezzata, è un simbolo di yin e yang per i taoisti.

 

Il nome Ginkgo significa frutto d'argento in cinese.