Il basilico è più di una semplice erba aromatica

Il basilico è molto più che una semplice erba aromatica.

 

Conosciamo tutti il basilico (dal latino: Ocimum basilicum), viene soprattutto utilizzato come spezia nella cucina mediterranea.

È ad esempio una meravigliosa aggiunta per l’insalata „Caprese“ a base di pomodoro e mozzarella, o come condimento per un pasto semplice e veloce come la "Pasta al pesto" (pesto genovese).

Ma al di là di questo, il basilico fa anche molto di più!

 

Botanica:

Si tratta di una pianta erbacea annuale, che richiede molta acqua, specialmente durante il giorno e quando c’è il sole.

La pianta del basilico è originaria dell’India e dell’Africa ed appartiene alla famiglia delle Lamiaceae; raggiunge un'altezza di circa 40 cm, con radici a fittone e fusti eretti.

Le sue foglie sono opposte, lunghe ed ovali, leggermente dentate e senza peli; lasciano inoltre un profumo caratteristico: aromatico - speziato.

I suoi fiori bianchi (ombrelle) si mostrano da giugno a novembre.

 

Ingredienti ed effetto:

Il basilico contiene tra le varie sostanze molto olio essenziale, eugenolo, ocimene, cineolo, monoterpeni, tannini e flavonoidi.

Le sue proprietà medicinali sono antispasmodiche, diuretiche, digestive, sedative, cardiotoniche, tossifughe e antisettiche.

Tradizionalmente viene utilizzato nella fitoterapia come tisana contro i disturbi gastrointestinali p.es.: per stimolare l’appetito, contro la flatulenza, il gonfiore, l’insonnia e molto altro.

 

Ricetta per „Pesto alla Genovese“ (4 porzioni)

100 g               di foglie di Basilico

ca 60 ml          di Olio d’oliva

35 g                  di Parmigiano, grattuggiato

35 g                  di Pinoli, arrostiti

1 spicchio d'aglio (a volontà)

un pizzico di sale e pepe (a volontà)

Frullate il tutto fino a farlo diventare una purea, versare in un contenitore o vasetto di vetro che si può chiudere (es. vasetti di marmellata) e alla fine aggiungere un po’ d’olio per coprire il pesto.

Nota bene: bisogna conservarlo in un luogo fresco, e dopo averlo aperto lasciarlo nel frigo.

E molto buono, ad esempio con la pasta.

Buon appetito!

 

Restate sempre aggiornati e seguite i miei articoli sul blog iscrivendovi qui gratuitamente alla mia newsletter.